Trattamenti con acido mandelico: un ingrediente multitasking per la tua routine di bellezza

Trattamenti con acido mandelico: un ingrediente multitasking per la tua routine di bellezza

 L’esfoliazione è il primo fondamentale passaggio per avere una pelle pulita, sana ed equilibrata. Ma non tutti hanno familiarità con l’uso di esfolianti che, a seconda del tipo di pelle, possono influire positivamente o negativamente.

L’acido mandelico si differenzia da tutti gli altri acidi esfolianti per la pelle perché la sua azione è adatta alle pelli più delicate ed è facile da usare. Alcuni anni fa, l’idea di spalmare l'acido su tutto il viso poteva sembrare un incubo. Oggi invece conosciamo bene i benefici dei trattamenti con acido mandelico per la cura della pelle.

Sono un ottimo modo per potenziare la tua routine di skincare quotidiana, nonché uno dei modi più efficaci per ottenere una pelle più chiara, luminosa e levigata: il trucco sta nello scegliere l’acido corretto per soddisfare le esigenze specifiche della tua pelle e utilizzarlo rispettando il quantitativo e i tempi di applicazione. 

Che cos’è l’acido mandelico

L’acido mandelico è un alfa idrossiacido (AHA) derivato dalle mandorle: prende infatti il nome dalla mandorla tedesca, mandel. La differenza con i suoi compagni più famosi, l’acido glicolico e l’acido lattico, quello mandelico ha le dimensioni delle particelle più grandi e quindi viene assorbito dalla pelle in maniera più lenta, uniforme e superficiale.

Per questo motivo è poco probabile che l’acido mandelico causi irritazioni anche a chi ha la pelle particolarmente sensibile e ricettiva. Il mandelico resta anche l’acido migliore per non scolorire la pelle scura perché non uccide i melanociti e non esacerba lo scolorimento ma, al contrario, diminuisce la comparsa di macchie scure dovute a acne o esposizione solare.

Nonostante la dimensione delle particelle dell’acido mandelico sia più grande, questo scava anche più in profondità nella pelle rispetto ad altri AHA perché è solubile in olio quando invece l'acido glicolico e quello lattico sono solubili in acqua e quindi agiscono negli strati superiori della pelle.

L’esfoliazione è un processo fondamentale che migliora la circolazione sottocutanea e stimola la pelle a rigenerarsi rallentando quindi la comparsa delle rughe e dei segni del tempo, nonché diversi tipi di inestetismi. 

 

 

trattamenti Acido Mandelico

I benefici dei trattamenti con acido mandelico sulla pelle

L’acido mandelico presenta proprietà antibatteriche che si uniscono alle capacità esfolianti che attivano il ricambio cellulare in grado di contrastare inestetismi come acne, pelle opaca, consistenza irregolare, iperpigmentazione, linee sottili e rughe.

Agisce quindi aumentando la produzione naturale di collagene e, dopo circa tre settimane di utilizzo costante e appropriato, si potranno notare già i suoi effetti: una pelle più liscia, luminosa, rimpolpata e chiara.

La rigenerazione naturale del collagene permette di avere una pelle più tonica e piena, quindi naturalmente più giovane nell'aspetto. In pratica la sua azione è quella di rimuovere i batteri che causano l’acne e l’olio che ostruisce i pori, così come le cellule morte sulla superficie della pelle, rendendo la pelle pulita e pronta a ricevere nutrimento.

In questo modo, l’acido mandelico accelera il turnover cellulare e funziona come potente esfoliante. Il mandelico è solo uno dei peeling in circolazione ma è di gran lunga il più sicuro poiché non è fotosensibilizzante, quindi può essere utilizzato senza paura di esporsi al sole (sempre però optando per una protezione Spf adeguata), ed è molto meno irritante dei suoi colleghi AHA.

Applicare il peeling in maniera autonoma eseguendo trattamenti con acido mandelico è oggi possibile e chiunque può farlo, ma è bene rispettare sia i tempi che le dosi indicate dal prodotto. Oppure chiedere consiglio ad esperti: prova a chiedere alla tua farmacia di fiducia oppure all’esperta dermatologa, entrambe sapranno sicuramente indirizzarti sul prodotto più adatto alla tua pelle e alle modalità di applicazione.

Come si usa l’acido mandelico

L’acido mandelico è uno dei migliori acidi per coloro che si approcciano al mondo degli AHA perché è adatto a diverse tipologie di pelle ed è particolarmente delicato quanto efficace.

È consigliabile eseguire i trattamenti con acido mandelico nella routine di bellezza serale prima di applicare una crema idratante, un siero o quello che si desidera per nutrire la propria pelle. In generale però l’acido mandelico, non essenso un prodotto fotosensibilizzante e può essere utilizzato in ogni stagione, in estate è però consigliabile applicarlo di sera.

L’uso dell’acido mandelico dipende spesso dal prodotto che hai scelto di acquistare. Le maschere e peeling sono spesso inseriti nella routine di skincare come extra, ossia all’interno di una routine di skincare complementare che ha lo scopo di amplificare gli effetti benefici degli altri prodotti che si applicano sulla pelle, come ad esempio i sieri viso o le creme idratanti.

Anche se si tratta di prodotti complementari è sempre consigliabile pulire la pelle in maniera più profonda due o tre volte alla settimana e permettere di avere tanti vantaggi visibili.

Come scegliere il giusto prodotto all’acido mandelico?

Come abbiamo visto l’acido mandelico permette di fare un peeling adatto alle pelli più sensibili e che si presta a risolvere diverse tipologie di problematiche, dall’acne all'opacità generalizzata. Oltre alla quotidiana detersione della pelle, il peeling permette di pulire la pelle in maniera più profonda e sfrutta l’azione degli acidi per stimolare il rinnovamento cellulare attraverso una distribuzione controllata.

 

Il Mandelic Enzymatic Soft Peel di LeLang Skincare è un esfoliante di tipo delicato pensato per tutti i tipi di pelle, anche la più sensibile. Il gel innovativo Mandelic Enzymatic Soft Peel si applica in maniera semplice sul viso e si lascia agire per circa 10 minuti per poi essere risciacquato con acqua, al suo interno l’azione dell’acido mandelico è amplificata dalla Papaina, un enzima derivante dal frutto della papaya e dalla Bromelina, un altro enzima ad azione proteolitica ed anti-edemigena ideale per migliorare il microcircolo sottocutaneo.

Questi due enzimi sono aggiunti per la loro azione esfoliante nello strato più superficiale della pelle che permette in un certo senso di liberare la strada alle molecole dell’acido mandelico che potrà andare ad agire più in profondità migliorando la sua efficacia specifica. La sinergia degli ingredienti di questo prodotto è l’ideale non solo per un effetto peeling delicato da fare in maniera autonoma, ma anche protettivo, lenitivo e decongestionante, grazie all’aggiunta di estratto di camomilla e succo di aloe vera biologico.

Questo esfoliante acido di nuova generazione è una soluzione pratica e adatta a chiunque voglia approcciarsi all’esfoliazione per la prima volta.